In grado di accogliere altri 1000 profughi

  • 14

In grado di accogliere altri 1000 profughi

Immagini articolo

Nel centro di Sos Ticino di Chiasso c’è un bambino che piange. Fa parte di una famiglia afghana appena arrivata, che attende d’essere sistemata in una delle strutture gestite dall’associazione. Sono giorni d’attesa nei centri ticinesi d’accoglienza per profughi. Dopo l’allarme lanciato da Berna, con la progressiva chiusura della rotta balcanica, e con Austria, Germania, Danimarca e Svezia che hanno indurito le loro politiche d’accoglienza, il flusso potrebbe ripartire dal sud. Dall’Italia e dunque alla frontiera di Chiasso potrebbe riprendere la pressione. Quanti ne arriveranno? “Cento, duecento, ma anche mille migranti in più rispetto a quelli che già abbiamo accolto, per noi non saranno mai un problema”, spiega Cristina Del Biaggio, ticinese, geografa delle migrazioni all’Università di Ginevra e dirigente dell’associazione Vivre ensemble, che si occupa della politica dei rifugiati. “Anche perché – aggiunge – seppure arrivassero mille persone in più non resterebbero a Chiasso. Ma con la chiave di riparto federale, che per il Ticino è del 3,9 per cento sul totale nazionale, verrebbero distribuite in altri cantoni. Poi, è vero che la rotta balcanica s’è inceppata, ma è altrettanto vero che noi come Svizzera nel 1999, con la crisi nel Kosovo, siamo riusciti ad accogliere oltre 40mila profughi”.

Oggi il Ticino ha complessivamente a carico 2.033 persone in procedura d’asilo. Di cui 1.074 ammessi provvisoriamente. Nel centro di registrazione e procedura federale di Chiasso, in quello di Losone e a Biasca e Stabio, ci sono in totale circa 300 asilanti. “Ne giungono e ne partono in continuazione – spiega il direttore Antonio Simona – ma non siamo ancora alla saturazione, siamo arrivati anche a ospitare sino a 500 persone”. Nei due centri della Croce rossa di Paradiso e Cadro, che come Sos Ticino invece agisce su mandato del Cantone, ci sono circa 150 persone. Altre 350 sono invece nelle pensioni e negli hotel, 45 nei due centri di Peccia, 40 al centro della Protezione civile di Camorino e il resto negli appartamenti privati. “Nelle nostre strutture l’occupazione è sempre al cento per cento – spiega Josiane Ricci, direttrice della Croce rossa svizzera sezione del Sottoceneri – e noi cerchiamo di gestire l’accoglienza nel migliore dei modi. Ora si attende questo aumento dei flussi e siamo pronti a fare la nostra parte, nell’ambito sempre del mandato che ci ha assegnato il Cantone. Chiaramente come Croce rossa noi siamo per l’accoglienza, e su questo valore crediamo molto. Fare di più si può sempre, si tratta tuttavia di vedere come e con quali strumenti si deve affrontare un’eventuale emergenza, ma su questo noi non possiamo intervenire, decidono Berna e Bellinzona”. Anche Sos Ticino attende istruzioni. “Noi – spiega la direttrice Chiara Orelli – abbiamo un preciso mandato dal Cantone per quanto riguarda la gestione degli alloggi individuali, ma non per quelli collettivi”.

Per le associazioni, la situazione per ora è nella norma. Ma il Consiglio federale ha già deciso che a fronte di un eventuale aumento dei flussi migratori, i cantoni potranno requisire i centri della Protezione civile ed i rifugi per alloggiare i nuovi arrivati. Il consigliere di Stato Norman Gobbi, ha poi spiegato che le strutture del Dipartimento delle istituzioni sono già al lavoro. “Se davvero ci sarà una emergenza – spiega ancora Del Biaggio – sarà anche un test per vedere se il nostro sistema d’accoglienza così centralizzato e statale sarà ancora capace di reggere bene l’onda d’urto”.

mspignesi@caffe.ch

 

Scarica articolo

In grado di accogliere altri 1000 profughi

Prevista nei prossimi mesi un’ondata di migranti e anche il Ticino si prepara all’emergenza mentre dalle associazioni di assistenza arriva l’invito a voler creare altri punti di ospitalità.


14 Comments

Mauricio

Febbraio 18, 2021at 5:25 pm

I’m curious to find out what blog system you happen to be utilizing?
I’m having some minor security problems with my latest
site and I’d like to find something more risk-free. Do you have any suggestions?

Also visit my site – CBD gummies for anxiety

Nathan

Febbraio 20, 2021at 12:23 am

Hey there would you mind sharing which blog platform you’re working with?
I’m planning to start my own blog in the near future but I’m having a hard time making a decision between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
The reason I ask is because your design and style seems different then most blogs and I’m looking for something unique.
P.S Apologies for being off-topic but I had to ask!

Also visit my homepage :: best CBD oil for dogs

Arlen

Febbraio 22, 2021at 6:57 am

Hey would you mind stating which blog platform you’re working with?
I’m looking to start my own blog in the near future but
I’m having a hard time choosing between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
The reason I ask is because your design seems different then most blogs and I’m looking for something unique.
P.S Apologies for being off-topic but I had to ask!

Here is my webpage; cbd

Francesco

Febbraio 22, 2021at 9:45 am

It’s the best time to make some plans for the future and it is time
to be happy. I have read this post and if I could
I wish to suggest you few interesting things or suggestions.
Maybe you could write next articles referring to this article.
I desire to read more things about it!

Feel free to visit my homepage – cbd for sleep

Hudson

Febbraio 22, 2021at 9:46 am

Quality articles is the key to invite the users to visit the web page, that’s what this site is providing.

My web page: CBD for sale

Anja

Febbraio 22, 2021at 3:36 pm

Hi to all, it’s actually a fastidious for me to go to see
this web page, it contains valuable Information.

Feel free to visit my website cbd oil for dogs

Gustavo

Febbraio 22, 2021at 4:26 pm

I just like the helpful info you supply for your articles.
I will bookmark your blog and check again right
here frequently. I’m relatively certain I’ll be informed many new stuff proper here!
Good luck for the next!

Here is my page – best cbd gummies

Jacques

Febbraio 22, 2021at 9:03 pm

Hey there, You’ve done an excellent job. I’ll definitely digg it
and personally recommend to my friends. I am sure they’ll be benefited from
this site.

Look into my web-site … best cannabidiol gummies

Hans

Febbraio 22, 2021at 9:38 pm

When I initially commented I clicked the “Notify me when new comments are added” checkbox
and now each time a comment is added I get four e-mails with the same
comment. Is there any way you can remove people from that
service? Thanks a lot!

Review my web page: gummies for anxiety

Jame

Febbraio 22, 2021at 10:05 pm

Wow! This blog looks exactly like my old one! It’s on a totally different subject but it has pretty much the same layout and design. Outstanding choice of colors!

My page … CBD oil near me

Chadwick

Febbraio 23, 2021at 5:06 am

You’re so interesting! I don’t think I have read something like that before.
So wonderful to find somebody with a few original thoughts on this topic.

Seriously.. thanks for starting this up. This site is one thing
that is required on the web, someone with a bit of originality!

Here is my web site – best CBD for dogs

Trena

Febbraio 23, 2021at 9:54 pm

I love looking through a post that can make people think.
Also, thanks for allowing me to comment!

my web blog; cbd for dogs

Rosaura

Febbraio 28, 2021at 11:11 am

Quality content is the key to be a focus for the
people to go to see the website, that’s what this
web site is providing.

my web blog; krem

IssacVella

Marzo 4, 2021at 8:38 pm

Both popular and abstract discussions of smut comprise explored the dispute of sexually unconditional texts as pedagogy. While many commentators and scholars demand acknowledged the informative qualities of obscenity, there is no prevalent consensus as to what porn teaches its consumers and how it works as an educator. Obscenity is increasingly itself the motive of edifying texts, with ‘porn literacy’ being debated as a implied to boot to the derived splendour kindergarten curriculum in the Collaborative Kingdom and Australia. This article presents an overview of the entrants of ‘porn as pedagogy’ and pedagogy about porn. It is ordinary in orbit, relying from on latest research and media reportage from Australasia, North America and the Unanimous Kingdom. These Anglophone countries be struck by outstanding similarities in greetings to the ways porn is framed as a pure and/or civil question major within worldwide contemplation (although there are also outstanding differences). For this why and wherefore, the overview that follows does not try to be globally mp, but represents a preliminary foray into a complex and multiform field.
more – [url=https://realamateurporntube.com/es/]realamateurporntube[/url]

Leave a Reply