Eritrea: l’esodo di chi non ha più nulla da perdere