I pionieri di una politica migratoria più aperta

  • 0

I pionieri di una politica migratoria più aperta

Quarant’anni fa, il 28 ottobre 1978, 3’000 persone si ritrovarono sulla Piazza federale di Berna per partecipare a una manifestazione organizzata dal movimento ‘Essere solidali’. Chiedevano una politica degli stranieri più umana che considerasse “lo straniero come una persona con gli stessi diritti di uno svizzero”. Come si arrivò a quel punto?

Erano considerati dei tamponi congiunturali. Negli anni 1950 e 1960, la Svizzera reclutò all’estero centinaia di migliaia di cosiddetti “lavoratori stranieri”. Si trattava di “stagionali” che avevano il permesso di soggiornare temporaneamente in Svizzera. Nel caso di una crisi economica – questa era l’idea – si sarebbero potuti rispedire nei loro Paesi di provenienza.

Continua a leggere


Leave a Reply